3 giugno – 7 ottobre: apertura estiva delle chiese romaniche all’Anfiteatro Morenico di Ivrea

Riparte a Giugno la quarta edizione del circuito Chiese Romaniche dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea che, nella stagione 2018, prevede dal 3 Giugno al 7 Ottobre l’apertura al pubblico di una buona parte delle chiese romaniche presenti sul territorio.
L’edizione 2018 delle Chiese Romaniche dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea vede la partecipazione di un consolidato gruppo di Comuni dell’area, dell’Associazione Amici della Chiesa di Santo Stefano di Candia e dell’Ecomuseo dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea, cui è affidato il ruolo di coordinamento organizzativo, di promozione e di cofinanziamento dell’iniziativa stessa.
Aderiscono all’iniziativa le seguenti chiese:
o Andrate – Chiesa di Santa Maria
o Ivrea – Cattedrale di Santa Maria Assunta
o Ivrea – Campanile di Santo Stefano
o Chiaverano – Chiesa di Santo Stefano di Sessano
o Burolo – Chiesa di Santa Maria Maddalena
o Bollengo – Chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Pessano
o Bollengo – Campanile di San Martino di Paerno, noto come ‘Ciucarun’
o Pavone – Cappella e Romitorio di San Grato
o Moncrivello – Santuario della Madonna di Miralta
o Candia C.se – Chiesa Priorato di Santo Stefano del Monte
o Candia C.se – Chiesa di San Michele Arcangelo
o Vialfrè – Chiesa di S. Pietro.
Il progetto, organizzato e promosso dall’Ecomuseo AMI e sostenuto anche dalla Fondazione Guelpa, prevede l’apertura al pubblico, tutte le domeniche pomeriggio da giugno ad ottobre, delle chiese di : Santo Stefano di Sessano a Chiaverano, Santi Pietro e Paolo di Pessano, a Bollengo e S. Pietro a Vialfrè, mentre le altre chiese del circuito, ad eccezione di quelle visibili solo dall’esterno o sempre fruibili come luoghi di culto, osserveranno un calendario di aperture programmate nelle stesso periodo.
In quest’edizione inoltre, grazie ad un intervento conclusosi lo scorso anno, le chiese sono dotate di un pannello informativo esterno, redatto in italiano ed in inglese, contenente una sintetica storia delle stesse ed una descrizione delle loro caratteristiche architettoniche ed artistiche. Lo scopo di questi pannelli è quello di fornire ai visitatori adeguate informazioni di base nei momenti in cui i beni non sono aperti al pubblico, garantendone così una certa “fruibilità” durante tutto l’anno.
Il soddisfacente numero di visitatori registrato nelle precedenti edizioni, ha confermato il fascino e l’interesse che questi edifici, testimoni di fede e di storia, spesso ancora immersi nell’ambiente nel quale furono costruiti, esercitano su molte persone; nello stesso tempo, esso stimola gli organizzatori a portare avanti e perfezionare questa iniziativa che non ha molti precedenti e, sinora, ancor meno imitatori.

Informazioni e calendario apertura delle chiese romaniche su: http://www.ecomuseoami.it

Annunci