Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale

La 32° conferenza generale dell’UNESCO tenutasi a Parigi dal 29 settembre al 17 ottobre 2003 ha stabilito una Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale che definisce il concetto in maniera più rigorosa. Vengono istituite la generica “Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità”, la “Lista del patrimonio culturale immateriale che necessita di essere urgentemente salvaguardato” per i patrimoni a rischio di estinzione e la lista dei “Programmi, progetti e attività per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale”, ovvero le iniziative locali che meglio riflettono i principi della Convenzione e che riceveranno l’assistenza internazionale. A partire dal 2008 gli elenchi sono stati adeguati alla Convenzione e nuovi elementi sono stati aggiunti regolarmente ogni anno; i patrimoni già proclamati nel 2001-2005 sono stati tutti inseriti per primi nella Lista rappresentativa nel 2008, senza pregiudicare i criteri richiesti per le iscrizioni successive[1].

A dicembre 2012 l’elenco è arrivato a comprendere 257 patrimoni, più 31 patrimoni inclusi nell’elenco di quelli che necessitano di salvaguardia urgente. 10 elementi figurano tra i programmi, progetti e attività per la salvaguardia.

Leggi il testo completo

Annunci